top of page

Il Lago di Fogliano, dalla Preistoria ad Oggi

Il Lago di Fogliano, situato nella provincia di Latina, è uno dei laghi più affascinanti e ricchi di storia del Lazio. Questo specchio d'acqua non è solo un tesoro naturale, ma anche un punto di riferimento per comprendere le trasformazioni del territorio attraverso i secoli. In questo articolo esploreremo la storia del lago, dalle prime tracce umane nella preistoria fino ai giorni nostri, evidenziando i cambiamenti ambientali, le opere di bonifica e l'importanza culturale di questo tesoro naturale.

lago-fogliano-latina

Le Origini Preistoriche

La storia del Lago di Fogliano inizia molto, molto tempo fa. Tracce di attività umana risalgono alla preistoria, con il ritrovamento di strumenti in pietra come raschiatoi e punte di freccia. Questi reperti indicano che le rive del lago erano abitate da gruppi di cacciatori-raccoglitori attratti dall'abbondanza di risorse naturali. L'ambiente lacustre, ricco di pesci e animali selvatici, offriva un habitat ideale per queste prime comunità umane.


Il Periodo Romano

Con l'avvento dei Romani, il Lago di Fogliano subì trasformazioni significative. I Romani erano esperti ingegneri e realizzarono importanti opere di bonifica per sfruttare al meglio le risorse del posto. Costruirono canali e piscine per l'allevamento dei pesci e svilupparono sistemi di irrigazione per le terre circostanti. Queste opere non solo migliorarono la produttività agricola, ma trasformarono il lago in un centro vitale per l'allevamento e la pesca.


Il Medioevo e l'Influenza Pontificia

Dopo la caduta dell'Impero Romano, l'area attraversò un periodo di abbandono. Tuttavia, durante il Medioevo, rifiorì grazie all'influenza pontificia. Papa Bonifacio VIII affidò il lago e le terre circostanti alla famiglia Caetani nel 1297. Questa famiglia giocò un ruolo cruciale nello sviluppo del territorio, arricchendolo con nuove costruzioni e miglioramenti agricoli, facendo nascere il Borgo di Fogliano.


Il Borgo si sviluppò come un villaggio di pescatori e allevatori sulle rive del lago. Questo piccolo insediamento divenne il cuore pulsante dell'area, abitato fino all'inizio del Novecento. Le terre circostanti, fertili e ricche di risorse idriche, erano ideali per l'allevamento del bestiame, in particolare delle bufale, che ancora oggi caratterizzano il paesaggio dell'Agro Pontino.


Le Trasformazioni del XVIII e XIX Secolo

Nel XVIII secolo, la famiglia Caetani costruì la casina di caccia per ospitare illustri ospiti durante le loro battute. Nel 1742, il Conte d'Albany e il Cardinale di York, nipoti di Giacomo II di Stuart, furono accolti in queste strutture. Successivamente, nel 1877, furono edificate la villa padronale e la cosiddetta "Villa Inglese", che con il tempo furono unite in un unico complesso architettonico, comprendente anche i resti dell'antica chiesa di Sant'Andrea.


Alla fine dell'Ottocento, Ada Bootle Wilbraham, moglie di Onorato VII Caetani, creò un giardino esotico conosciuto oggi come l'Orto Botanico di Fogliano. Questo giardino ospitava specie esotiche raccolte dai numerosi viaggi della famiglia, creando un angolo di paradiso botanico.


lago-fogliano-latina

La Bonifica dell'Agro Pontino nel XX Secolo

Il XX secolo portò con sé grandi cambiamenti. Una delle trasformazioni più significative fu la bonifica dell'Agro Pontino, il progetto volto a trasformare le paludi malsane in terreni agricoli produttivi. Il Lago di Fogliano fu integrato con opere di canalizzazione e controllo delle acque che stabilizzarono il livello del lago e migliorarono la gestione delle risorse idriche.


Il Parco Nazionale del Circeo

Dal 1978, il Lago di Fogliano fa parte del Parco Nazionale del Circeo, un'area protetta che tutela la biodiversità e il patrimonio naturale della regione. Il lago è stato classificato come zona umida di importanza internazionale secondo la Convenzione di Ramsar, sottolineando la sua rilevanza ecologica.


Attività e Conservazione Oggi

Oggi, il lago con il suo borgo è un luogo di grande interesse per chi ama la natura e la storia. Le rive offrono una varietà di attività ricreative, come passeggiate, birdwatching e pesca sportiva. I sentieri ben mantenuti permettono di esplorare l'area a piedi o in bicicletta, offrendo viste panoramiche sul lago e sulle specie animali che lo abitano.


L'Orto Botanico di Fogliano, sebbene visitabile solo in occasioni speciali, rimane un gioiello nascosto, dove le specie mediterranee convivono con quelle esotiche in un ambiente unico.


La villa inglese e la villa padronale, con il loro fascino storico e architettonico, continuano a testimoniare l'importanza della famiglia Caetani nella storia del lago e di tutto l'Agro Pontino. Sebbene alcune parti del complesso siano state trasformate nel corso degli anni, queste strutture mantengono un valore culturale significativo.


Il Lago di Fogliano è molto più di un semplice specchio d'acqua; è un luogo carico di storia e di trasformazioni. Dalle prime tracce umane nella preistoria, attraverso il periodo romano e medievale, fino alle moderne opere di bonifica e conservazione, il lago ha sempre giocato un ruolo centrale nella vita della regione. Oggi, come parte del Parco Nazionale del Circeo, continua a essere un tesoro naturale e storico, un simbolo della ricca eredità culturale e ambientale dell'Agro Pontino.

5 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page